THISISME

Mi sono presa un po’ di tempo, ultimamente, per pensare e capire che direzione vorrei far prendere a Mother’s Spell, ma anche alla mia vita privata, di donna, mamma, compagna, sorella, figlia e amica. Cosa è davvero importante? Che messaggi voglio davvero condividere? La prima cosa che mi è venuta in mente è la realtà: la vita reale con i suoi alti e bassi.

 Il viaggio in America che abbiamo fatto l’anno scorso mi ha proprio ispirata e mi ha riportata alla mia realtà personale. Sono tornata alle mie radici, in qualche modo, anche se ero lontana da casa, il che mi ha fatto capire che siamo tutti fratelli, sorelle e figli di questo pianeta. Abbiamo tutti la stessa madre, in fin dei conti: Madre Natura; se non siamo collegati a lei, siamo scollegati da noi stessi e dai nostri fratelli in giro per il mondo.

 Mi pare sempre più difficile trovare la vera realtà di questi tempi. Me ne accorgo ogni volta che vado fuori città (il che onestamente –e fortunatamente- è successo spessissimo ultimamente) per un soggiorno in mezzo alla natura; mi collega con qualcosa di più alto e potente del wi-fi. Sento sempre di più che ci manca la realtà, nel nostro mondo fatto di social media

Questa corsa alla bellezza, a collezionare roba in casa e negli armadi sta diventando ridicola. Sto lavorando su una cosa che mi ha spinto in questa ricerca e che presto condividerò, ma per ora vorrei solo parlarne e chiedervi di unire le vostre forze alle mie alla ricerca di qualcosa di nuovo, per essere consapevoli di quanto la situazione ci stia sfuggendo di mano.

 È così facile lasciarsi influenzare e perdere la visione lucida del reale. Trucco, photoshop, labbra finte, seno rifatto e perfino sedere rifatto sono ormai la norma e sembra che la maternità si allontani dai valori e dalle tradizioni che l’accompagnavano in origine. Tornare in forma dopo il parto è diventato più importante che restare a casa, riposare e instaurare un legame con il bambino. Questa pressione folle sull’apparire belle sempre sta diventando un triste standarde vedo le donne criticarsi l’una l’altra, invece di darsi la mano. Sento la mancanza del legame e del vero sentimento di #sorellanza.

Vedo donne di ogni età che postano sui social network foto di sé ben lontane dalla loro realtà e ben diverse dalla faccia con cui si svegliano la mattina. Ovviamente tutti preferiamo postare una foto che ci ritragga nella luce migliore, ma diventare irriconoscibili non è una buona idea. Distruggiamo completamente la nostra autostima quando cerchiamo di raccogliere “like” con qualcosa che non esiste nemmeno.

 Per molti versi sono lieta di non dover tirare su una ragazza di questi tempi, anche se il mio sogno è quello di avere una figlia femmina prima o poi, ed è per questo che voglio rifiutarmi, dire di NO a tutte queste cavolate. Non ci servono tutti questi vestiti sexy che scoprono tutto per attirare l’attenzione! Ci serve un cervello funzionante in salute e un cuore sincero per trovare il senso della vita. Se non ci occupiamo ora di questa faccenda, finiremo per essere molto soli e squilibrati, con una malsana ossessione per cose che non contano nulla. So che di questo hanno già parlato profusamente altre persone nel mondo e ne sono lieta perché non sono l’unica che cerca di migliorare la situazione. Solo, mi rattrista un po’ e mi preoccupa la piega che sta prendendo l’umanità, perché non riesco a vedere alcun cambiamento; perciò ho deciso di iniziare a lavorare su me stessa, nella speranza di creare un effetto domino, visto che sono sicura che è qualcosa che perseguita molti di noi in qualche modo, a volte senza neanche accorgercene.  È facile cadere nella trappola della condivisione costante dei social network! A volte mi rendo conto che sto facendo foto a un tramonto invece di godermelo ed essere in sintonia con le sensazioni che genera in me quando lo guardo, da sola o con la mia famiglia. 

Perciò ultimamente ho pensato seriamente di lasciar perdere i social media, per il senso di frustrazione, di tristezza che mi danno; in qualche modo mi fanno sentire insoddisfatta di quello che ho. Inoltre, spesso mi ritrovo con il telefono in mano mentre i miei figli cercano di attirare la mia attenzione e questo NON VA BENE. Non voglio farmi ipnotizzare dal cellulare mentre mio figlio chiede amore e attenzione.  

Sono cresciuta vedendo donne, in Islanda, vestite molto diversamente in televisione rispetto ad altri paesi del mondo. Senza dubbio erano tutte bellissime, ma mai mezze nude. Semplicemente avevano detto di no. Mi piacerebbe vedere donne forti, in gamba, capaci, che facciano sentire la loco voce e diano un esempio positivo alle bambine. Purtroppo invece vedo in tutto il mondo, Islanda compresa, ragazze che postano foto di pance piattissime, sopracciglia inverosimili, capelli di colori inverosimili e seni inverosimili, tutte nella stessa posa; la cosa si è spinta tanto in là che perfino delle istruttrici di yoga, che dovrebbero usare il loro profilo per attirare la gente a fare yoga, curare il proprio benessere e meditare, hanno iniziato a fare yoga in biancheria intima, tanto per attirare l’attenzione del pubblico! Sapete che vi dico? Sono stanca di tutto questo! Sono stanca della gente che vuole essere perfetta e condivide solo ciò che è perfetto… me compresa.

Non dobbiamo essere tutte uguali per essere perfette. E che cos’è poi la perfezione?!?! Dovremmo accettare la pelle con cui siamo nate. Trattarci con il rispetto che meritiamo, invece di coprirci di trucco. Dovremmo prenderci cura del nostro corpo, per poter sbocciare nella nostra versione più genuina ed unica. Trovare il nostro equilibrio e vivere una vita sana e forte. Siamo autorizzate a commettere fare errori e anche a svegliarci con il viso gonfio. È normale!

 

 

È ora di unirci e ribellarci contro tutto ciò, accogliendoci come siamo, difetti compresi. Vorrei incoraggiare tutte le donne, le ragazze, gli uomini e i ragazzi a postare foto o video in cui appaiono come sono, senza trucco, spettinati, o in situazioni reali, nella fatica di ogni giorno, con l’hashtag#ThisIsMe. Vorrei tanto potervi conoscere davvero come siete, REALI e UNICI, perciò sentitevi liberi di taggarmi@johannamaggy o @mothersspell. Rendiamo reali i social media. E se volete partecipare alla mia iniziativa, stiamo girando dei video da condividere su Mothers Spell per mostrare come #thisisME riguardi tutti. Il vostro momento#thisisME può cogliervi in varie situazioni: maternità, senza trucco, pasticcione, errori divertenti che possono capitare solo a VOI…purché siano reali. Se ve la sentite di aprirci il vostro cuore, siamo qui in ascolto! Mandate foto o video al mio indirizzo me@mothersspell.com . Non vedo l’ora di vedervi in versione VOI. E chiaramente anche voi vedrete molto più di ME in versione ME.

love JM

If you Like it, Share it
2018-11-16T13:05:17+00:0016/11/18|

Leave A Comment