EMBLA YR GUDMUNDSDOTTIR

A mother of three children, how is that like I am sure you run a busy house hold?

Well, it´s great to tell you the truth. I´m extremely lucky. They are all so much fun to be around, and Saga (my 7 year old daughter) and Dagur (my 5 year old son) are great friends (around 85% of the time-I just hope it will last) so they can play while I nurse and get Blær (my 6 months old daughter) to bed/nap. It´s busy, don´t get me wrong, but in a good way. Now I´m at home with my youngest, for a year, so my typical day, is waking up just before seven, we get dressed, eat breakfast, listen to some music and then my husband Daniel takes Saga and Dagur to school just before eight. He then goes swimming before work, and me and Blær have some quality time for an hour, before she takes her nap. While she´s napping, I´m cleaning the house, do laundry, work, shower, drink coffee or rest, it all depends on my energy and mood. Blær´s naps vary from 30 min-2 hours. Then she most often naps again at around 14 and we go take a walk and pick up the kids from school just before four a clock. We go home and I prepare dinner, do homework with Saga, we eat at six, the kids take a bath and go to bed at eight. First Blær goes to sleep, then we try to read and spend some good time in bed before sleep. Sometimes it´s hard to let every body wind down and relax, and I´m stressed to get everybody to sleep, but then I try to remind myself that it´s hard to relax around a stressed person so… you know I try to breathe and relax my self and most of the time it really works. But I go to sleep at the same time as they do, most of the time.. It just, you know, life works well if I´m not tired and I need to take good care of that, or me, and if not, I get frustrated about the laundry, preparing food and everything, hence if I´m not tired, everything is ok, I´m smiling and the kids smile too.

I understand your husband works a lot, do you have any help with the children?

I do, nothing scheduled, just whenever I need to. From our mothers. We both (me and my husband Daníel) have the best moms outthere and they love spending time with the children. So if I need to work or study or see my friends (which I really need to do more of), I do call them and ask if they can lend me a hand or two. But I have been on my way to contact a babysitter for perhaps 3 years, to being able to go out with my husband or friends, see a movie or just take a walk or go to the swimmingpool. I´m working on it – lets see where I´ll stand in 3 years time.

You have an incredible job as a midwife, tell me a little bit about how you got interested and how is to work as one?

Well, it´s a bit complicated. I think it was allways ment to be honestly. When I was a kid I picked books at the library about how a child is born, how they are made and I was fascinated about it. I remember seeing pregnant women in showers at the swimmingpool like goddesses and I just really was fascinated about this journey and first I wanted to become a doctor because I thought they delivered babies, but then I found out I was wrong. They do take care of the women if something goes wrong here in Iceland but they´re not with every woman and they don’t see the healthy women that go through pregnancy and birth without complications. So that was easy for me, a midwife I would be. It´s great to work as a midwife. It´s never the same, you know. We meet all these different women during pregnancy, each one for at least seven times, and then we take care of them during labour and we take care of them and their newborn during home visits for aprox. 7 times during the first ten days, so the work is never the same and extremely rewarding. Sometimes I feel like I float home smiling from work at the delivery department at the hospital- but I work shifts, so sometimes it´s hard to go home and take of the gown without finishing, for example after a hard labour, you know, get to see it through the end, and feel the joy, but of course it´s not the end for everybody, not the right word, it´s just the beginning for them J My high at work was having the honour of delivering my nephew, and my best friends children and it was just amazing. Just seeing my sister and friends during their most important moments of their life, seeing this vulnerable yet strong side of them, its hard to describe in words.

How old were you when you had your first child?

I was thirtyone years old, and I couldn´t wait. So I had finished my studies as a nurse and a midwife, and read all the books outhere about pregnancy, birth and the newborn. I was very ready to say the least.

 

How were your pregnancies? How did you feel?

Well it was not as I thought they would be, honestly. I really thought they would be all romantic and magical but for the first three months I felt very tired, and working on morning, evening and night shifts were at times a challenge. And for the last few months I had lower backpain and had trouble moving around. But I had to remind myself that I was not the same, you know, life and my feelings about everything is not the same when I´m pregnant. I have to remind my self to reconnect and rebalance myself. I had a baby growing inside me and just stop trying to do everything the same and to exspect the same from myself because I´m not the same, you know? Life is very different. It´s so strange how sensitive I was about my body. Leg irritations during evenings, and night, I had to find out what to do, and for excample I didn´t feel it if I skipped sugar and I felt so much better if I had less salt. But I really wanted sugar, and chocolate, it was challenging. I also found out I felt so good in water. So I went to the swimmingpool once every day, most often in the morning, with a bottle of water, and just focused on breathing and connecting with my growing baby and that was like a meditation for me, and very important, so I just wouldn´t forget that little one and you know let the day go by and just do what I used to do. I also felt really good doing yoga. I did pregnancy yoga during all my pregnancies, kundalini with some meditation and it supported me in connecting with myself and to give myself time just to focus on my body and baby, being able to feel some romance and magic.

Did you do anything specific for your self during pregnancy or something you suggest to your clients or pregnant women in general?

Well, just give yourself some time. Time to focus on your body, and try to enjoy the change, and if you don´t feel good or if you can´t find comfort, then talk to your midwife and get some advise. I think it´s important to be kind to yourself. Listen to your body and if your tired then you need to sleep more, and find a good balance between movement and rest. Walking is great during pregnancy and swimming as well. And a healthy diet is important, for your baby, mind and body. Be positive, look at the changes on your body as a beautiful thing. Your body is growing and changing your hole life, and it´s a huge change to grow a baby, this tiny human being, and it´s so amazing really, your heart grows a little bit bigger, did you know that? your body starts to grow more insulation and put on extra fat around your stomack and hips, to protect your baby. I find it very empowering that we women have this power to nurture and grow a new life, it´s very privilaged.

I am sure you have seen and experienced a lot through your job anything you could share or advise to our pregnant or mothers to be readers?

Just embrace it all. Remember every moment and take some pictures. Be focused and enjoy the whole journey. Life is so short and precious, just remember how lucky you are. It´s all so much worth it. Find comfort, talk to your spouse, a friend, a family member, don’t be afraid to ask for help or advise, preferably from a midwife/doctor. Also, youre not supposed to be anything, or in a certain way, just be yourself and be proud.

I am sure you breastfeed your other two children as I know you are now breastfeeding you little baby girl, how long did you breast feed and how long do you plan to breastfeed your baby girl?

Yes, I was lucky to being able to breastfeed them allwithout complications, so far. My oldest for almost two years, I just wasn´t enjoying it towards the end, I was pregnant and I was very sensitive and my nipples hurt during breastfeeding. Then I breastfed my son for around one and a half year and I plan to breastfeed Blær, my youngest, as long as we both enjoy it.

 

Do you encourage your clients and other mothers to breastfeed?

I know it is very very rare in Iceland that a mother does not breastfeed is that right? Well in Iceland it´s rather an exception if you don´t breastfeed, so yes. I do ask women if they plan to breastfeed during pregnancy and if they have any questions about it. Then we offer some good written information about it and when they have delivered their child I ask if they had planned to breastfeed and if they want me to help them with the first latch on. During the home visits for the first week a lot of time and focus goes to the breastfeeding, how to prevent complications and react if they do come. I would always recommend breastmilk for the baby if there aren´t any complicationsbut if there are any reasons not to breastfeed I definitely support the mother in her decision.

Do you ever get any ME time in the schedule? If so what do you do?

Honestly, very little. And I know I can put it in the schedule but I don´t, sadly. I guess my “me time” is during the mornings when I get my second cup of coffee and my youngest is napping and the others have gone out to school/work.

Iceland is one of very few countries in the world now who support very much the natural birth, Icelandic midwifes and doctors really encourage the mother to have faith in her self during labour we have very low percent rate of c section in compare to other countries. Anything you can tell us about that?

Yes, it´s true. I believe Icelandic women have a strong believe about natural birth. This whole experience is very personal and uniqe and an important one which can affect the social as well as the mental health of women and their families. I believe Icelandic midwifes and doctors are very aware of that and work extremely well together in respecting women and take good care of women and their families.

What do you guys do to keep your romance going in all this chaos 🙂 ?

Honestly I find it very challenging to be a good wife and a good friend whatever that means, while Im trying to be the mother I want to become. What Im trying to say is that while I put my effort on the mothering part, I see myself fail in the romance part, the friends part and the carreer part.. Don´t get me wrong, I want to do it all. But I can´t. These years Im just putting all my effort on my kids and us as a family – Im telling myself that its just a phase, it will be easier and I will have time to cuddle my husband instead of going to sleep at nine a clock in the evenings, and that I will be able to dress up and go out for the movies or a drink with my husband instead of sleeping… im constantly having a bit of guilt and deep down I know my marriage needs effort as well as my children and that my friends will stop calling me eventually – I just know, but I seem not to be able to do anything about it- i feel like if I wont put my effort on taking care of the children and clean the house for example, when I do it, or do the laundry when I do, it will all be more, harder, bigger and I wont be able to keep everything in balance.

 

What is your favorite thing about being a mother?

I guess it´s just everything about it. I love the look I get, the embrace, the honest talk in the evenings before sleep, having fun together and just the feeling that you are loved, needed and doing good I guess. We try to create good memories together, Friday pizzanight, playing cards during the weekends and so on. I think it´s important for the whole family. But when I see they are strong individuals with a big and kind heart I feel the proudest.

Your least favorite?

I´m not sure. Maby the tiredness once again. That I need to sleep so early in the evening J But when there are challenges, and they do come, it actually is a phase and it has always been for a very limited time. For example when my kids wake up during the night and wont fall asleep immedietly after comfort or something like that. I just need to remind myself that its not lasting forever.

If you Like it, Share it
2017-12-03T23:10:26+00:0004/12/17|

Leave A Comment

EMBLA YR GUDMUNDSDOTTIR

Mamma di tre bambini, come gestisci una casa così affollata?

Beh, voglio dirti la verità. Sono estremamente fortunata. Ed è tutto molto divertente, Saga (mia figlia di 7 anni) e Dagur (mio figlio di 5 anni) sono ottimi amici (per circa l’85% del tempo passato insieme – e spero che durerà) e giocano sempre mentre allatto o addormento Blær (mia figlia di 6 mesi). È impegnativo, non fraintendermi, ma in modo positivo. Ora, per un anno, sarò a casa con la più piccola e la mia giornata tipo si svolge così: sveglia poco prima delle sette, ci si veste, facciamo colazione, ascoltiamo musica e poi mio marito Daniel porta Saga e Dagur a scuola, per le otto. Poi lui va a nuotare prima di lavorare, mentre io e Blær abbiamo un’ora solo per noi, prima che si riaddormenti di nuovo. Mentre fa il suo pisolino io pulisco casa, faccio le lavatrici, lavoro, mi faccio una doccia, bevo il caffè o riposo, tutto dipende dalla mia energia e dall’umore della giornata. I pisolini di Blær variano dai 30 minuti alle 2 ore. Alle volte, si addormenta di nuovo nel primo pomeriggio così andiamo a fare una passeggiata e prendiamo i suoi fratellini a scuola verso le quattro. Andiamo a casa e prepariamo la cena, faccio un pò di compiti con Saga, mangiamo alle sei, bagnetto per tutti e a letto alle otto. Blær è la prima ad andare a dormire e poi noi cerchiamo di leggere e trascorrere un momento a letto prima di dormire. A volte è difficile far sì che ognuno si calmi e si distenda ed io sono spesso stressata quando cerco di far addormentare tutti, ma cerco sempre di ricordarmi che è difficile tranquillizzare chi ho intorno se io per prima non lo sono..così, faccio un respiro profondo e mi rilasso. La maggior parte delle volte, funziona davvero. E, quasi sempre, vado a dormire anch’io nello stesso momento..

Come ben sai, in casa, le cose funzionano bene se la mamma non è stanca e quindi ho il dovere di prendermi cura di questo e di me stessa. Se sono troppo stanca, tutto mi esaspera, dalle pulizie alla preparazione dei pasti ecc. Se riposo, invece, è tutto ok, sorrido e sorridono anche i bambini.

Immagino che tuo marito lavori molto, hai qualche aiuto con i bambini?

Sì, senza alcun programma, solo quando ne ho davvero bisogno. L’aiuto arriva dalle nostre rispettive mamme. Entrambi (io e mio marito Daniel) abbiamo le migliori mamme del mondo che amano trascorrere del tempo con i nostri bambini. Quindi, se devo lavorare o studiare o incontrare i miei amici (che è una cosa che avrei bisogno di fare di più), le chiamo e chiedo se possono darmi una mano o due. Ma sono stata sul punto di contattare una babysitter per almeno 3 anni, per poter uscire con mio marito o con gli amici, vedere un film, fare una passeggiata o andare in piscina. Ci sto ancora lavorando – chissà a che punto sarò tra altri 3 anni.

Hai un lavoro incredibile come ostetrica, raccontami come ti sei avvicinata a questa professione e come funziona.

Beh, è ​​un po’ complicato. Sinceramente penso che dovesse andare proprio così. Quando ero ancora una bambina, in biblioteca, sceglievo i libri che parlavano della nascita, di come sono fatti i neonati e ne ero davvero affascinata. Ricordo che nelle docce della piscina che frequentavo, ammiravo le donne in gravidanza come dee ed ero veramente incantata da questo viaggio; inizialmente sarei voluta diventare un medico perché pensavo che fossero loro a far nascere i bambini, ma poi ho scoperto che mi sbagliavo. Qui in Islanda, loro hanno il compito di prendersi cura delle donne se qualcosa va storto, ma non si occupano di quelle che portano avanti gravidanze sane e nascite senza complicazioni. E’ stato facile scegliere, per me, sarei diventata un’ostetrica.

E’ meraviglioso fare questo lavoro. Sai, non è mai uguale. Durante la loro gravidanza incontriamo queste donne, ciascuna per almeno sette volte, le seguiamo nel travaglio e ci occupiamo di loro e dei neonati durante le visite a domicilio per altrettante sette volte durante i primi dieci giorni post parto; ogni volta è qualcosa di nuovo ed è estremamente gratificante. Spesso tornando a casa dal lavoro (dal reparto maternità dell’ospedale) mi ritrovo a sorridere camminando a dieci centimetri da terra. Lavoro a turni, quindi a volte è difficile tornare a casa senza aver davvero finito. Ad esempio, accade che dopo un lungo travaglio vorresti rimanere fino alla fine, per vedere la gioia negli occhi di questi nuovi genitori..ovviamente “fine” non è la parola più corretta, è un inizio, per loro.

Il momento più emozionante di questo lavoro, per me, è stato quando ho avuto l’onore di far nascere mio nipote ed i figli dei miei migliori amici; è stato semplicemente incredibile. Vedere mia sorella ed i miei amici durante il momento più importante della loro vita, vederne il lato vulnerabile ma anche quello più forte, è qualcosa che è davvero difficile da descrivere a parole.

Quanti anni avevi quando hai avuto il tuo primo figlio?

Avevo trentun anni e non potevo più aspettare. Ho finito i miei studi come infermiera ed ostetrica,  ho letto tutti i libri esistenti sulla gravidanza, sulla nascita e sui neonati. Ero veramente pronta a quel punto.

 

Come sono state le tue gravidanze? Come ti sei sentita?

Beh, onestamente, non sono state come me le immaginavo. Pensavo davvero che sarebbe stato romantico e magico ma per i primi tre mesi mi sono sentita sempre molto stanca e i turni al lavoro sono stati una vera sfida. Negli ultimi mesi soffrivo di mal di schiena e avevo difficoltà nei movimenti. Dovevo ricordare a me stessa che non ero più come prima, sai, la vita e le sensazioni provate non erano proprio le stesse ora che aspettavo un bambino. Ho imparato a riconnettermi con il mio io interiore e a riequilibrarmi. Una nuova vita stava crescendo dentro di me, dovevo smettere di provare a fare tutto quello che facevo prima e di avere le stesse aspettative, perché io non ero più la stessa, giusto? La vita da quel momento è davvero diversa. Ed è strano quanto fosse diventato sensibile il mio corpo. Ricordo le irritazioni alle gambe, ad esempio, la sera e durante a notte. Ho dovuto capire cosa fare per sentirmi meglio, come eliminare lo zucchero o usare meno sale. E’ stata una vera sfida, perché sono una persona che ama particolarmente sia lo zucchero che il cioccolato. Ho scoperto che stavo molto bene in acqua. Così, ogni giorno, andavo in piscina con una bottiglia d’acqua e usavo questo momento per concentrarmi sulla respirazione e per cercare un collegamento con il mio bambino. E’ stato molto importante per me, come fare una sorta di meditazione: mi ha insegnato a non dimenticarmi del mio piccolo e a lasciar scorrere la giornata, senza pretendere niente di più. Mi sentivo molto bene anche facendo yoga. Ho praticato lo yoga kundalini durante ogni mia gravidanza assieme ad un po’ di meditazione e tutto questo mi ha mantenuta in connessione con me stessa, mi ha dato il tempo per concentrarmi sul mio corpo e sul mio bambino e di sentire un po’ di quel romanticismo e di quella magia che ho sempre sognato.

Hai fatto qualcosa di specifico per te stessa durante la gravidanza o qualcosa che vorresti suggerire alle tue clienti o, in generale, alle donne in gravidanza?

Beh, date a voi stesse un po’ di tempo. Tempo per concentrarvi sul vostro corpo cercando di apprezzare il cambiamento; e se non vi sentite bene o se non riuscite a trovare serenità parlatene con la vostra ostetrica e chiedetele consigli. Penso che sia importante essere gentili con noi stesse. Ascoltare il proprio corpo e se si è stanchi, dormire di più. Bisogna cercare di trovare un buon equilibrio tra movimento e riposo. Le passeggiate e il nuoto sono attività ottime durante la gravidanza. E anche una dieta sana è importante: per il bambino, per la mente e il corpo. Cercate di essere positive, vivete l’evoluzione come una cosa meravigliosa. Il vostro corpo sta crescendo e tutta la vostra vita sta cambiando; è un enorme trasformazione crescere un bambino, si sta formando un piccolo essere umano ed è davvero incredibile. Lo sapevate che anche il vostro cuore diventa più grande? Il corpo inizia ad accumulare grasso in più, intorno allo stomaco e ai fianchi, per proteggere il bambino. Penso che quello che le donne affrontano sia qualcosa di molto potente, abbiamo il dono di nutrire e crescere una nuova vita. E’ un privilegio.

Sono sicura che tu abbia visto e sperimentato molto grazie al tuo lavoro, c’è qualcosa che vorresti condividere o consigliare alle nostre lettrici?

Solo di accogliere, tutto. Di ricordare ogni momento e scattare qualche foto. Di concentrarsi e godersi questo viaggio. La vita è così breve e preziosa, non dimentichiamo mai quanto siamo fortunati. Ne è così valsa la pena. Trovate il vostro benessere, parlate con il vostro compagno, con un amico o un familiare; non abbiate paura di chiedere aiuto o consigli, meglio se ad un’ostetrica o ad un medico. E, soprattutto, non esiste un modo giusto di essere, dovete solo essere voi stesse ed esserne orgogliose.

 

So che stai ancora allattando la tua piccola, ma sono sicura che lo hai fatto anche con gli altri due figli. Per quanto tempo allora e quanto tempo intendi farlo con lei?

Sì, sono stata fortunata ad allattare al seno senza complicazioni, finora. Il mio primo figlio per quasi due anni, ho fatto fatica solo nell’ultimo periodo perché ero incinta, molto sensibile ed i capezzoli mi facevano molto male. Poi ho allattato il secondo per un anno e mezzo ed ho intenzione di allattare Blær, la più piccola, finché andrà bene ad entrambe.

 

Incoraggi le tue clienti e le altre madri ad allattare? So che in Islanda è molto raro trovare una madre che non allatta, ho ragione?

Beh, in Islanda è un’eccezione che una madre non allatti, quindi sì. Durante la gravidanza chiedo  sempre alle donne se intendono allattare al seno e se hanno domande al riguardo. Poi diamo loro del valido materiale informativo e una volta partorito, chiedo se avessero previsto di farlo e se vogliono che io le aiuti ad attaccare il bambino la prima volta. Durante le visite a domicilio, per la prima settimana soprattutto, sia il tempo che le attenzioni si concentrano sull’allattamento al seno: come evitare complicazioni e come reagire se, purtroppo, arrivano. Io raccomando sempre l’allattamento per il neonato se non ci sono complicazioni, ma, se ci sono motivi per i quali la mamma non vuole o non può allattare, sostengo e rispetto assolutamente ogni madre nella  propria decisione.

Hai mai tempo per TE nelle vostre giornate? Se sì, cosa fai?

Sinceramente, molto poco. So che potrei ritagliarmelo ma,  purtroppo, non lo faccio. Credo che alla fine il “tempo per me” sia durante le mattine, quando bevo la mia seconda tazza di caffè, la mia piccolina fa il pisolino e tutti gli altri sono a scuola o al lavoro.

L’Islanda è uno dei pochissimi paesi al mondo che sostengono molto il parto naturale, le ostetriche ed i medici islandesi incoraggiano le madri ad avere fiducia in loro stesse durante il travaglio e, rispetto ad altri paesi, c’è un tasso molto basso di tagli cesarei. Cosa ci puoi dire su questo?

Sì, è vero. Penso che le donne islandesi abbiano un forte credo nella nascita naturale. L’intera esperienza è molto personale, unica, importante e può influire sulla società e sulla mentalità delle donne e delle loro famiglie. Credo che le ostetriche ed i medici islandesi siano consapevoli di questo e lavorino molto bene insieme, nel rispetto delle donne e prendendosi cura di esse e delle loro famiglie.

Cosa fate per mantenere vivo il vostro romanticismo con tutto questo caos? 🙂

Se devo essere sincera, trovo molto impegnativo riuscire ad essere una buona moglie e una buona amica mentre sto cercando di essere la madre che vorrei diventare. Quello che sto cercando di dire è che incanalando tutti i miei sforzi sul lato materno, mi vedo continuamente fallire nel lato romantico, nelle amicizie e nella carriera. Non fraintendermi, vorrei poter fare tutto. Ma non ci riesco. In questi anni sto cercando di concentrare me stessa sui miei figli e sul “noi” come famiglia – dico a me stessa che è soltanto una fase, che col tempo sarà più facile e arriverà il momento in cui potrò coccolare mio marito invece di crollare addormentata alle nove, la sera. E che sarò in grado di vestirmi bene e uscire per andare al cinema o per bere qualcosa con mio marito invece di dormire… convivo costantemente con un pizzico di senso di colpa; nel profondo sono consapevole che il matrimonio ha bisogno delle stesse energie che investo sui miei figli e che, alla fine, i miei amici potrebbero smettere di chiamarmi – lo so quindi, ma mi sembra di non poterci fare niente – sento che se non mi impegnassi nel prendermi cura dei bambini e, quando accade, nel pulire la casa o nel fare le lavatrici, tutto diventerebbe più difficile, sempre più grande e non riuscirei più a mantenere ogni cosa in un giusto equilibrio.

 

Qual è la cosa che preferisci dell’essere madre?

Immagino che sia tutto ciò che riguarda esserlo. Amo gli sguardi che ricevo, gli abbracci, le chiacchiere sincere prima di addormentarci, il divertirci insieme e la sensazione di essere amata, necessaria e del fare il meglio per loro. Cerchiamo di costruire bei ricordi insieme, il venerdì serata pizza, giochiamo a carte durante i fine settimana e così via. Penso che sia importante per tutta la famiglia. Ma quando vedo che stanno diventando persone forti con un cuore grande e gentile mi sento davvero orgogliosa.

 

E la meno preferita?

Non ne sono sicura. Forse la stanchezza, ancora una volta. Il fatto di dover dormire così presto la sera. O quando ci sono sfide particolari che arrivano, che in realtà sono solo fasi ed hanno un tempo molto limitato. Ad esempio, quando i miei bambini si svegliano durante la notte e non si addormentano immediatamente dopo averli tranquillizzati o cose di questo tipo. Devo solo ricordare a me stessa che sono momenti che non durano per sempre.

If you Like it, Share it
2017-12-03T23:15:08+00:0004/12/17|

Leave A Comment